∞ Super hyperlink! ∞

 

A memorable quote

La sezione italiana di Save the Children ha lanciato una campagna contro la povertà infantile. E contro il fatto che questa povertà ha come conseguenza anche la limitazione di fatto (anche se non di legge) del diritto all’istruzione.

Niente di strano, direte voi. Save the Children è nata con questi compiti e ha già lanciato innumerevoli azioni per i diritti dell’infanzia nel terzo mondo.
E invece no, sbagliate. Perché questa campagna riguarda non il terzo mondo, bensì un paese del G8, della UE, del mondo ricco.
Questa campagna riguarda l’Italia.[…]

 
 

A memorable quote

2 February 2012 → quotes renzi matteo renzi pd liberismo neoliberismo

[…]Non che qualcuno dubitasse delle ragioni vere dell’assemblea della Leopolda: comunque, l’annuncio di ieri va inteso anche come un atto di lealtà. Altrettanto interessante è poi la declinazione del programma renziano: il piano delle liberalizzazioni di Monti viene giudicato positivamente perché recepisce «41 delle 100 proposte» della Leopolda; Renzi però assicura che avrebbe fatto di più in senso liberista. Ad esempio avrebbe abolito «il valore legale del titolo di studio» e messo in agenda, da subito, «un serio piano di dismissioni pubbliche».

E, siccome il sindaco di Firenze non ha paura di sfidare il senso comune della sinistra con argomenti che persino a destra si maneggiano con estrema cura, nell’intervista a il Foglio ribadisce di essere «un fan del modello Marchionne» e si spinge fino ad auspicare una sostanziale abrogazione dei contratti nazionali di lavoro. O meglio, sostiene che, come si è fatto con il trasporto ferroviario, dovrebbe essere consentito a tutte le aziende di derogare al contratto di settore. In questo contesto il reiterato proposito di rottamare la classe dirigente del Pd è la parte più scontata del Renzi-pensiero. […]

 
1 note
 

A memorable quote

20 May 2011 → quotes neoliberismo liberismo politica elezioni

Sono tempi duri per i liberisti. Niente illustra meglio il loro dilemma di ciò che sta avvenendo a Milano, dove sono costretti a scegliere fra uno schieramento storicamente agli antipodi della cultura liberista e un altro che occasionalmente vi si richiama ma nei fatti dimostra di esservi ugualmente estraneo.

Per un liberista è impensabile negare a qualcuno il diritto di praticare la propria religione in modo dignitoso; come tutti, un liberista ha a cuore l’ordine pubblico, ma non lo userebbe mai come scusa per sopprimere le legittime manifestazioni della libertà individuale.
Un liberista crede nella concorrenza, anche delle idee e delle culture; per questo non potrebbe mai allearsi con chi quotidianamente insulta e minaccia stranieri e diversi.
Un liberista crede nella libertà di scelta delle famiglie, ma non ha bisogno di denigrare indiscriminatamente la scuola pubblica.


Piuttosto, cerca di correggerne le tante storture con misure credibili e attuabili, invece di lanciarsi ogni due anni in improbabili riforme epocali, spesso ispirate da zeloti ideologizzati che pretendono d’insegnare due lingue a bambini di undici anni, mentre la scuola è nel caos perché il ministero si dimentica di emettere delle semplici circolari applicative e la ministra preferisce andare agli show televisivi per inneggiare al suo capo di Governo.
Per un liberista essere imprenditore significa chinare la testa e cercare di produrre e innovare: il vero imprenditore ha meglio da fare che cercare favori, sussidi, e soldi pubblici. Un liberista ha quindi poco da spartire con quegli individui, metà politici e metà imprenditori, che ronzano come api intorno alle aziende municipalizzate, alle fondazioni bancarie, alle grandi opere e a ogni occasione per fare qualche colata di cemento o organizzare qualche evento inutile, anche quando si potrebbe fare molto di più per i cittadini con molto meno.

Un liberista è spesso un personaggio grigio e prevedibile, soprattutto quando si tratta di amministrare la cosa pubblica. È molto sospettoso dei voli pindarici e delle “grandi visioni”; sa che spesso sono solo lo strumento per nascondere la mancanza di idee o di competenze per risolvere i problemi dei cittadini. Un liberista crede in un lavoro di sana, grigia ordinaria amministrazione che cerca di risolvere i problemi di tutti i giorni, anche se sono politicamente poco visibili.
Un liberista sa che le nostre città non hanno bisogno di Expo, che scatenano un esercito di parassiti, se non di delinquenti, e distolgono per anni soldi ed energie da un molto più oscuro ma più importante lavoro di risanamento dei quartieri esistenti, che riempia i buchi delle strade, tolga i graffiti dai muri e la spazzatura dalle strade, e faccia funzionare scuole e ospedali. Non hanno bisogno di Gran premi di Formula 1 o di Olimpiadi, ma di aprire e gestire le piscine perché i giovani possano praticare lo sport. Non hanno bisogno di convegni inutili, di kermesse pseudo-culturali, di nuovi musei su argomenti sempre più improbabili, ma di far funzionare i musei che già esistono e che spesso sono un imbarazzo per il nostro Paese.

Per questo un liberista è stanco di una classe dirigente che sembra ispirata a un senso di affarismo ossessivo, nel migliore dei casi ingenuo e infantile, nel peggiore interessato e indifferente al bene pubblico. Una classe dirigente per cui sembra non esistere problema che non possa essere risolto con il cemento, con qualche annuncio a effetto, con qualche privatizzazione di facciata, con qualche grande evento, o con qualche cordata d’imprenditori ben connessi.
A causa di questa infatuazione infantile per il cemento e per gli affari come panacea di ogni male, chi ci rappresenta all’estero si è trovato a lodare pubblicamente un dittatore perché ha avuto la fortuna, negata ai poveri governanti italiani, di poter costruire in pochi anni senza intralci un’intera città - con che risultati estetici e a che prezzo per i suoi sfortunati sudditi non sappiamo, e non interessa. O si è trovato a baciare la mano di un altro dittatore che ci prometteva di salvare una banca nostrana e di riservarci due commesse nel deserto.

Un liberista crede profondamente nella competenza individuale. Per questo è incredulo che ci si riempia la bocca di ricerca, scienza e tecnologia ma per motivi ideologici si possa nominare alla vice-presidenza del Consiglio nazionale delle ricerche una persona che da anni propaganda tesi che appaiono insensate ed offensive verso intere categorie di persone e la cui designazione perfino Cesare Lombroso, patrono della pseudo-scienza e dell’oscurantismo, troverebbe discutibile. Per questo un liberista non si sente rappresentato da chi, invece che promuovere l’immagine del Paese nei consessi internazionali con proposte costruttive e competenti, lo scredita raccontando barzellette osé e facendo battute sul colore della pelle degli altri governanti, ed è troppo preso da altre faccende per rendersi conto che, a torto o a ragione, nel XXI secolo questo non si può fare.

 

RobertoPerotti - La solitudine di un liberista. A Milano (come in Italia) destra e sinistra restano agli antipodi del mercato

Quei comunisti del sole24ore… Colpa di Pisapia :-)

1 note
 

About

stat tracker for tumblr

Aroundtheweb

People I follow

prostata batchiara rispostesenzadomanda hollywoodparty madonnaliberaprofessionista kaw lalumacavevatrecorna morgenstern wehavethemunchies aquadisale curiositasmundi intweetion zuppadivetro gravitazero zombie-hiker gargantua scarligamerluss stizzofrenica sonnenbarke foodffs consquisiteparole lupoderoma nipresa nevver yesiamdrowning reblololo flyguy theworldsgame ze-violet braindead holden1978 carlosbigne weofp voristrip dkoder tofusue kindalikeit umanesimo hardcorejudas pollicinor chiarula orph avolteesagero rupinjapan favedifuca quartodisecolo steff1024 coqbaroque verita-supposta groucho mangorosa nonhotempo untemporale kon-igi theoriginaljoefisher saveme wollawolla stefigno gastrogirl rainbowarrior86 felson scriptabanane pensierispettinati kindlerya monicabionda manyinwonderland moviesinframes violettabellocchio elanotte unmatto paneliquido mrgonzo roarmagazine scorpiondagger acrob4t out-o-matic alidoro emmanuelnegro dxo ciocci alcholandcigarettes addictions anarchaia memorizedbreaths skiribilla catastrofe wtfarthistory goddamnwalls missvengeance scimmiecontromano messalaida robertamilano clairefisher lartespiegataaitruzzi cowboyjunkie niente plettrude burza imod lollodj 3n0m15 geo8 blondeinside carmenisabelasandiego 9-bits virginiamanda hneeta bowtierecipes prezzemolo indian-food progvolution pocodopoknef gala81 vivenda marcellos emmeintumblerland sallygreen isolavirtuale noleadersplease photoshopsecrets freddacomeundolore agrariaevita colorolamente orridetti filjander reversefrown nandinaoltrelospecchio simonerossi laleggenoneugualepertutti oneblood novaffanculotu piggyna glass86 tooby unaltroinutiletumblr lenciclopop uds lazonagrigia selvaggiamente pipcoman iwdrm filippocioni tuffatore lapitzi craftedimages dottorcarlo kekkoz scipsy decubito escoaprendereuncaffe opencontainer maisuccesso francisdj adventurelands ottavopiano twitpanettone efexor librisulibri fortheloveoftapirsandstuff samskeyti79 andrw-j arecordaday minitoy fuckyeahjumpingrob