Images for the Masses

6 February 2014 → images arte art
lartespiegataaitruzzi:

Frida Kahlo (Magdalena Carmen Frieda Kahlo y Calderón, Coyoacán, 1907 – Coyoacán, 1954)
Autoritratto con collana di spine e colibrì
cm 62,20 × 48, 20, Nikolas Muray Collection, Harry Ransom Center, The University of Texas at Austin
1940, olio su tela su masonite 
 
-
A un sacco de gente je piace Frida Kahlo, ma nun tanto pe le opere in sé, quanto pe artri aspetti tipo er monocijo, er personaggio, ‘a malattia, l’amori burascosi, ‘a vita che ha vissuto, che vaa potete annà a legge su Uichipidia ed è effettivamente un botto interessante. Vero pure è che lei ha contribuito a fà de stessa un soggetto daa pittura sua. Ma io penso che, sebbene ‘a vita privata così come er contesto storico certamente influischeno su quer che produce un artista, alla fin fine poi er giudizio va dato solo in base alle opere, si sò riuscite o meno. Ce sò artisti che cianno avuto na vita un sacco avventurosa, sgarupata, sregolata, sfortunata, e antri che si usciveno er sabato sera a pijasse un gelato era grasso che colava: ma in ambo ‘e categorie se troveno geni e artisti mediocri, perché nun vor dì. Uno po’ esse omo o donna, bianco o nero, ricco o povero, ebreo o cattolico, nato qui o nato là, figo o sfigato: tutte ste qualità conteno, ma nisuna de ste qualità in sé te garantisce che l’artista sarà bravo e l’opera valida.
Per cui, si ad esempio nun te piace l’arte de Frida Kahlo, dì che nun te piace – che ne so – pe come sò usati i colori o pii soggetti scerti o perché è poco interessante – ma nun dì che nun te piace perché lei era na donna o perché lei era messicana: verebbe come a dì che nun te piaceno l’ova perché ‘e galline cianno na brutta faccia. Si poi ciai un problema in generale verso tutte ‘e donne, tutti i messicani, o tutte ‘e galline, bè forse è er caso che te fai vede da quarcuno.
Detto ciò, venimo ar quadro che te propongo. Devi sapè che siccome era paralizzata a letto, i genitori j’aveveno appiccicato no specchio sotto ar baldacchino. Vedesse sempre e nun potesse move: e l’autoritratti sò anfatti pure pe questo na parte grannissima daa sua pittura. Che na pittrice scerga de dipigne se stessa è interessante, dato che ‘e donne sò sempre state un soggetto (o mejo oggetto) daa pittura, gnude o vestite. Poteva sceje de dipigne paesaggi, fiori, antre donne, oppure ommini: ha scerto de dipignese a sé. Come a dì, io sò mia e me dipingo io. O forse perché se voleva rifà dii carci in culo che j’aveva dato ‘a vita reinventannose un personaggio e na vita su ‘a tela.
Ce sta pure sempre er riferimento aa curtura messicana popolare, nii colori, noo stile, nee simbologgie, pure nii vestiti che se mette lei. Spesso ce sò riferimenti personali, ad esempio a ‘e malattie sue, come qua ‘a collana de spine che richiama er dolore, e er gatto e ‘e scimmie che see teneva drento casa. Lei ha usato ‘a pittura pe dà un senso a tutte ste varie cose che ciaveva intorno o j’ereno capitate, come na cuoca che pija tutti l’ingredienti che cià in dispensa e l’ammischia insieme e ce mette er suo lavoro, er calore der foco, er tempo de cottura, e magari pure un po’ de inventiva, e quer che viè fòri è na torta che nun è mai ‘a semprice somma dell’ingredienti.
Quinni vedi che l’esse stata donna, o la vita che ha fatto, o l’esse nata messicana, conteno, eccome. Ma quer che conta de più è er modo con cui lei ha usato tutte ste cose e l’ha messe insieme e n’ha tirato fòri un’arte unica e iripetibbile, e soprattutto che po’ parlà pure a chi nun è donna o messicano o nun s’è rotto, pe fortuna, ‘a spina dorsale.

lartespiegataaitruzzi:

Frida Kahlo (Magdalena Carmen Frieda Kahlo y Calderón, Coyoacán, 1907 – Coyoacán, 1954)

Autoritratto con collana di spine e colibrì

cm 62,20 × 48, 20, Nikolas Muray Collection, Harry Ransom Center, The University of Texas at Austin

1940, olio su tela su masonite

 

-

A un sacco de gente je piace Frida Kahlo, ma nun tanto pe le opere in sé, quanto pe artri aspetti tipo er monocijo, er personaggio, ‘a malattia, l’amori burascosi, ‘a vita che ha vissuto, che vaa potete annà a legge su Uichipidia ed è effettivamente un botto interessante. Vero pure è che lei ha contribuito a fà de stessa un soggetto daa pittura sua. Ma io penso che, sebbene ‘a vita privata così come er contesto storico certamente influischeno su quer che produce un artista, alla fin fine poi er giudizio va dato solo in base alle opere, si sò riuscite o meno. Ce sò artisti che cianno avuto na vita un sacco avventurosa, sgarupata, sregolata, sfortunata, e antri che si usciveno er sabato sera a pijasse un gelato era grasso che colava: ma in ambo ‘e categorie se troveno geni e artisti mediocri, perché nun vor dì. Uno po’ esse omo o donna, bianco o nero, ricco o povero, ebreo o cattolico, nato qui o nato là, figo o sfigato: tutte ste qualità conteno, ma nisuna de ste qualità in sé te garantisce che l’artista sarà bravo e l’opera valida.

Per cui, si ad esempio nun te piace l’arte de Frida Kahlo, dì che nun te piace – che ne so – pe come sò usati i colori o pii soggetti scerti o perché è poco interessante – ma nun dì che nun te piace perché lei era na donna o perché lei era messicana: verebbe come a dì che nun te piaceno l’ova perché ‘e galline cianno na brutta faccia. Si poi ciai un problema in generale verso tutte ‘e donne, tutti i messicani, o tutte ‘e galline, bè forse è er caso che te fai vede da quarcuno.

Detto ciò, venimo ar quadro che te propongo. Devi sapè che siccome era paralizzata a letto, i genitori j’aveveno appiccicato no specchio sotto ar baldacchino. Vedesse sempre e nun potesse move: e l’autoritratti sò anfatti pure pe questo na parte grannissima daa sua pittura. Che na pittrice scerga de dipigne se stessa è interessante, dato che ‘e donne sò sempre state un soggetto (o mejo oggetto) daa pittura, gnude o vestite. Poteva sceje de dipigne paesaggi, fiori, antre donne, oppure ommini: ha scerto de dipignese a sé. Come a dì, io sò mia e me dipingo io. O forse perché se voleva rifà dii carci in culo che j’aveva dato ‘a vita reinventannose un personaggio e na vita su ‘a tela.

Ce sta pure sempre er riferimento aa curtura messicana popolare, nii colori, noo stile, nee simbologgie, pure nii vestiti che se mette lei. Spesso ce sò riferimenti personali, ad esempio a ‘e malattie sue, come qua ‘a collana de spine che richiama er dolore, e er gatto e ‘e scimmie che see teneva drento casa. Lei ha usato ‘a pittura pe dà un senso a tutte ste varie cose che ciaveva intorno o j’ereno capitate, come na cuoca che pija tutti l’ingredienti che cià in dispensa e l’ammischia insieme e ce mette er suo lavoro, er calore der foco, er tempo de cottura, e magari pure un po’ de inventiva, e quer che viè fòri è na torta che nun è mai ‘a semprice somma dell’ingredienti.

Quinni vedi che l’esse stata donna, o la vita che ha fatto, o l’esse nata messicana, conteno, eccome. Ma quer che conta de più è er modo con cui lei ha usato tutte ste cose e l’ha messe insieme e n’ha tirato fòri un’arte unica e iripetibbile, e soprattutto che po’ parlà pure a chi nun è donna o messicano o nun s’è rotto, pe fortuna, ‘a spina dorsale.

 

Images for the Masses

27 November 2013 → images linguaggio lingua cina cinese giappone giapponese
E’ ben nota quale sia in Oriente, l’importanza dell’onore e della vergogna che deriva dalla sua perdita irrimediabile. Addirittura in Giappone, per una persona che ricoprisse un alto rango, una funzione pubblica, uno status importante, era assolutamente insopportabile una posizione del genere. Il solo pensiero di essere sfiorato da un dubbio, un sospetto di essersi comportato in maniera disonorevole, non poteva che essere seguito da un gesto che chiarisse a tutti la propria uscita definitiva dal consesso della società civile. L’unica possibilità offerta era il Seppuku (meglio conosciuto da noi come Harakiri), il suicidio rituale con la spada sacra che ridava alla persona il suo rango di uomo onorato. Non era necessaria una condanna o una riprovazione, il grande uomo sapeva da sé cosa fosse necessario fare senza che neppure glielo si chiedesse. In Cina è ben noto come il perdere la faccia, sia considerato in modo talmente negativo e sminuente che nessuno che voglia mantenere un rapporto con qualcun altro si mette in condizione di “far perdere la faccia” al suo dirimpettaio. La lingua con la capacità illustrativa dei suoi segni illustra tutto questo con chiarezza. 功 - gōng, è uno dei differenti modi per dire: Onore. Le due parti del carattere significano Lavoro e Forza. Quindi l’unico modo per conquistarsi l’onore è operare con costanza e decisione e senza ombre per ottenere l’apprezzamento degli altri. Al contrario il segno di Orecchio unito nello stesso carattere a quello di Smettere, Cessare dà: 耻 - chǐ, che significa Vergogna, Umiliazione, Disonore, perché chi si trova in questa condizione per una sua mala azione non riesce più a sopportare di continuare ad ascoltare cosa si dice di lui, anzi smette semplicemente di ascoltare quello che è evidente a tutti.[…]
Gōng - Chǐ

E’ ben nota quale sia in Oriente, l’importanza dell’onore e della vergogna che deriva dalla sua perdita irrimediabile. Addirittura in Giappone, per una persona che ricoprisse un alto rango, una funzione pubblica, uno status importante, era assolutamente insopportabile una posizione del genere. Il solo pensiero di essere sfiorato da un dubbio, un sospetto di essersi comportato in maniera disonorevole, non poteva che essere seguito da un gesto che chiarisse a tutti la propria uscita definitiva dal consesso della società civile. L’unica possibilità offerta era il Seppuku (meglio conosciuto da noi come Harakiri), il suicidio rituale con la spada sacra che ridava alla persona il suo rango di uomo onorato. Non era necessaria una condanna o una riprovazione, il grande uomo sapeva da sé cosa fosse necessario fare senza che neppure glielo si chiedesse. In Cina è ben noto come il perdere la faccia, sia considerato in modo talmente negativo e sminuente che nessuno che voglia mantenere un rapporto con qualcun altro si mette in condizione di “far perdere la faccia” al suo dirimpettaio. La lingua con la capacità illustrativa dei suoi segni illustra tutto questo con chiarezza. 功 - gōng, è uno dei differenti modi per dire: Onore. Le due parti del carattere significano Lavoro e Forza. Quindi l’unico modo per conquistarsi l’onore è operare con costanza e decisione e senza ombre per ottenere l’apprezzamento degli altri. Al contrario il segno di Orecchio unito nello stesso carattere a quello di Smettere, Cessare dà: 耻 - chǐ, che significa Vergogna, Umiliazione, Disonore, perché chi si trova in questa condizione per una sua mala azione non riesce più a sopportare di continuare ad ascoltare cosa si dice di lui, anzi smette semplicemente di ascoltare quello che è evidente a tutti.[…]

Gōng - Chǐ

1 note
 

Images for the Masses

26 November 2013 → images informatica web internet log blog nodi

Images for the Masses

22 November 2013 → images pci politica partito comunista
1 note
 

Images for the Masses

18 October 2013 → images roma rome beer birra

About

stat tracker for tumblr

Aroundtheweb

People I follow

virginiamanda braindead scarligamerluss umanesimo gastrogirl nevver zuppadivetro flyguy catastrofe dkoder hardcorejudas voristrip dxo weofp lalumacacontrecorna ze-violet rispostesenzadomanda nipresa elanotte them-tasty-recipes clairefisher hollywoodparty burza carlosbigne scimmiecontromano chiarula kaw pollicinor verita-supposta ciocci untemporale aquadisale quartodisecolo gargantua consquisiteparole kon-igi madonnaliberaprofessionista felson prostata yesiamdrowning saveme steff1024 zombie-hiker coqbaroque curiositasmundi bowtierecipes progvolution scriptabanane intweetion violettabellocchio stizzofrenica micronemo rainbowarrior86 theworldsgame lollodj goddamnwalls nandinaoltrelospecchio simonerossi rupinjapan kindlerya favedifuca lupoderoma alcholandcigarettes batchiara 3n0m15 paneliquido holden1978 marcellos manyinwonderland 9-bits kindalikeit bluceruleo mangorosa addictions unmatto moviesinframes laleggenoneugualepertutti morgenstern skiribilla monicabionda wehavethemunchies vivenda wtfarthistory scorpiondagger avolteesagero agrariaevita nonhotempo prezzemolo orph out-o-matic sonnenbarke acrob4t gravitazero roarmagazine blondeinside hneeta lartespiegataaitruzzi reblololo sallygreen oneblood photoshopsecrets theoriginaljoefisher imod plettrude noleadersplease stefigno robertamilano isolavirtuale groucho pensierispettinati messalaida missvengeance anarchaia niente indian-food cowboyjunkie carmenisabelasandiego orridetti novaffanculotu wollawolla mrgonzo flight101 piggyna glass86 freddacomeundolore tooby pocodopoknef unaltroinutiletumblr gala81 lenciclopop colorolamente emmanuelnegro uds geo8 lazonagrigia selvaggiamente pipcoman iwdrm filippocioni tuffatore lapitzi craftedimages dottorcarlo emmeintumblerland reversefrown kekkoz scipsy decubito escoaprendereuncaffe opencontainer maisuccesso francisdj adventurelands ottavopiano twitpanettone efexor librisulibri fortheloveoftapirsandstuff alidoro samskeyti79 andrw-j arecordaday minitoy filjander fuckyeahjumpingrob